manifestazione genova 28 marzo 2009

franca fioravanti, teatro delle nuvolesilvio ferrariluisella carretta, performercoro le vie del cantostriscione

Care e cari, voi che avete partecipato alla non stop del 28 marzo a Palazzo Ducale, vogliamo ringraziarvi ancora, dopo i sinceri abbracci e gli apprezzamenti nella fredda (ma solo dal punto di vista meteo) giornata di sabato, perché la vostra presenza generosa è stata un dono prezioso.
La politica delle donne si nutre e si fonda sul valore in primo luogo delle relazioni, e i movimenti femministi hanno cercato, non sempre riuscendoci, di modificare il modo di fare politica partendo dalla creazione di legami e di pratiche che mettessero al centro l’importanza dello stare insieme, ciascuna e ciascuno per quello che può e vuole offrire nel processo di cambiamento. Tanto resta da fare, pochissimo si riesce a incidere all’interno dello sfacelo della realtà sociale di questo paese; ma, se pur per poche ore, le vostre/nostre parole, musiche, danze, presenze tutte insieme in un sabato di marzo non sono state invano e senza effetto.
Hanno dimostrato che, anche senza molti mezzi economici e di richiamo mediatico, si può offrire uno spazio colto, vivace e intelligente alla città, e che la collettività, se vuole, può scegliere di godere, fermandosi a pensare, oltre allo shopping e all’aperitivo. Che ci sono talenti e saperi che, gratuitamente, si mettono a disposizione della comunità perché la violenza germoglia nel silenzio e nell’ignoranza, e si cancella anche con la bellezza e la forza dell’arte, dell’emozione, della parola e del canto. Perché anche questa è politica.
Non perdiamoci di vista, teniamoci in contatto, e facciamo ancora progetti insieme.
Grazie ancora da tutte noi

Archinaute, gruppo Mafalda, Rivista Marea